“Mi chiamo Agnes, ho 22 anni e vengo da Pamol, un villaggio a circa 9 km dall’ospedale. Ho avuto 7 aborti e per questo ho chiamato la mia piccola Aloyo, che significa ‘colei che sopravvive’. Aloyo è il mio piccolo miracolo. E’ nata alla 28° settimana di gestazione, pesa solo 800 grammi e ha una malformazione al cranio che richiederà un intervento chirurgico presso il centro specializzato di Mbale. Insieme con forza e tenacia e amore stiamo affrontando tutto.

Dopo due mesi di ricovero finalmente domani torno a casa con la mia piccola Aloyo anche se solo temporaneamente … so che dovrò tornare in ospedale per controlli e poi per l’intervento. Qui mi sono sentita accolta, accudita e soprattutto considerata. Mi hanno fatto sentire una persona per la prima volta perché anche la mia bambina è stata considerata tale e tutti si sono prodigati per lei perché merita ogni sforzo per essere salvata e vivere una vita normale. Ho imparato le norme igieniche di base, lavarmi le mani prima di allattare e cambiare la piccola … Quando mi chiedono che futuro mi auguro, guardo mia figlia e dico ‘an healthy life’.” lo dice sorridendo e credendoci 

Agnes